Aldes, Carne Trita, 2011.
Aldes, Carne Trita, 2011.

Le Tante Facce di Aldes

Atlante iconografico

a cura di Dalila D'Amico

ALDES, sotto la direzione di Roberto Castello, ha “scannerizzato” nell’arco di oltre un ventennio un’umanità brutale e venale che si nutre dell’eccesso per far saltare ad uno ad uno miti e cliché dell’ideologia contemporanea. Idiosincrasia, lussuria, debolezza, spazio, tempo, economia, diventano nelle coreografie della compagnia escrescenze del corpo, oggetto ultimo di ogni scrittura. Il corpo negli spettacoli di ALDES si riversa sulla scena non solo come figura plastica, ma anche come attestazione di una soggettività fortemente legata alle coordinate spazio-temporali che lo spettatore condivide. La danza di ALDES si manifesta nelle gestualità brusche, nei respiri affannati, passa per le posture, si dilata nella voce, si impossessa delle espressioni facciali.

Le sequenze selezionate dagli spettacoli del gruppo e montate nel video” Le tante facce di Aldes” provano a raccontare queste soggettività animali attraverso un assemblaggio dei loro volti per portare in luce l’attenzione di Aldes all’eloquenza della faccia, della smorfia, del ghigno. La faccia, negli spettacoli selezionati, si configura come paesaggio eterogeneo del presente. Le bocche spalancate diventano realtà bucate, canali di accesso ad un altrove oscuro. I nasi arricciati sono storture del presente, gli sguardi ammiccanti parodie del desiderio, le lingue estroflesse disgusto di narrazioni da invertire.

Le sequenze di cui si compone il  video “Le tante facce di Aldes” sono tratte dai seguenti spettacoli.

Biosculture (1990)

Biosculture  è un progetto modulare, di coreografie, video, e animazioni 3D collocate all’interno di un contesto espositivo. Biosculture fa sì che sia ciascuno spettatore ad incontrare le ‘opere’, a creare la propria personale drammaturgia. Le Biosculture sono non spettacolari, discrete, imperfette, lente; un gioco di idee e sensi legati al corpo. E’ un percorso di azioni che non hanno fine, di oggetti esistenti al di là della presenza dello spettatore che spostano la percezione della danza dal piano dello spettacolo a quello della contemplazione e dell’osservazione.

Stanze (2004/2007)

Stanze è una panoramica di piccole opere della compagnia nate tra il 2003 e il 2005. Lavori che partono da un’idea di coreografia come arte plastica, che quindi utilizzano i corpi per dare forma a idee senza mai costruire narrazioni e senza mai porsi come fine l’intrattenimento. Sono sculture mobili, spesso divertenti e assurde, che strapazzano la percezione del tempo e si propongono come se ognuna di esse dovesse durare all’infinito. Giacomo Verde crea un secondo piano di visione agendo con una telecamera e un pc – dalla regia collocata sulla scena – rimandando in tempo reale su un fondale immagini e dettagli rielaborati dell’azione.

Il Duca Delle Prugne (2007)

Il titolo dello spettacolo prende spunto da un famoso brano di Frank Zappa dal contenuto fortemente erotico. Classico varietà, Il Duca delle Prugne offre agli spettatori una pausa piacevole: due presentatori si alternano nell’introdurre balletti, numeri comici e strip tease. Il pubblico viene accolto dagli artisti in eleganti abiti da sera in un night club disseminato di sedie e tavolini. Su ciascuno di essi gli spettatori trovano un menù dal quale è possibile scegliere buoni vini, superalcolici, piatti raffinati e una vasta gamma di servizi che vanno da massaggi di varia natura, alla possibilità di essere rinfrescati gentilmente da una o più graziose sventagliatrici, al servizio di messaggeria fra gli spettatori, alla polaroid ricordo, a diverse tipologie di baci. Il Duca delle Prugne, più che uno spettacolo, è una godibile e lussuosa esperienza che gli spettatori sono messi in condizione di condividere con gli interpreti, pretesto e occasione per riflettere sul proprio rapporto con il piacere, il denaro e il superfluo.

Nel Disastro (2009)

Lo spettacolo costituisce l’ottavo capitolo de “Il migliore dei mondi possibili”, (Premio Ubu 2003, Miglior spettacolo sezione Danza) progetto pluriennale composto da dieci spettacoli che indagano il presente. Nel Disastro è dedicato alle vite degli individui, uno spettacolo corale che attraverso la danza, la voce e la parola da vita ad una surreale e grottesca rappresentazione delle tragedia individuale e del disastro collettivo di un tempo e di un paese sconcertanti. Con autoironia feroce Nel disastro deride la fallocentricità dei rapporti. Attraverso un meccanismo di amplificazione di dati autobiografici e intimità svelate, gli interpreti danno vita, non a personaggi, ma alle ansie, inquietudini, fragilità, debolezze, desideri, inadeguatezze, dolore e nevrosi di questo tempo.
Una riflessione sul senso del vivere contemporaneo, o forse più esattamente, sulla sua assenza, strutturata in una sequenza di assoli intervallati da brevi scene collettive.

Carne trita (2011)

Carne trita è un concerto – una composizione di movimenti, visi, gesti e voci – che utilizza la figura umana per uno stralunato, e tutto sommato divertito, inno all’insensatezza del destino; un omaggio alla bellezza, alla pazienza, alla mitezza, alla fatica, alla tenacia e all’indignazione delle moltitudini di chi non ha motivi per credere nella possibilità di un futuro desiderabile.

In girum imus nocte et consumimur igni (2015)

Uno scabro bianco e nero e una musica ipnotica sono l’ambiente nel quale si inanellano le micro narrazioni di questo peripatetico spettacolo notturno a cavallo fra cinema, danza e teatro.
Illuminato dalla fredda luce di un video proiettore che scandisce spazi, tempi e geometrie, il nero profondo dei costumi rende diafani i personaggi e li proietta in un passato senza tempo abitato da un’umanità allo sbando che avanza e si dibatte con una gestualità brusca, emotiva e scomposta, oltre lo sfinimento e fino al limite della trance. ”In girum imus nocte et consumimur igni” , “Andiamo in giro la notte e siamo consumati dal fuoco”, enigmatico palindromo latino dalle origini incerte, che già fu scelto come titolo da Guy Debord per un famoso film del 1978, va così oltre la sua possibile interpretazione di metafora del vivere come infinito consumarsi nei desideri, per diventare un’esperienza catartica della sua, anche comica, grottesca fatica.

aldes

Roberto Castello - Aldes

ALDES è un’associazione di artisti e operatori culturali fondata nel 1993 dal coreografo Roberto Castello, che ne è il direttore artistico e dalla danzatrice Alessandra Moretti che ne cura il coordinamento artistico e la comunicazione. ALDES produce e promuove opere di sperimentazione coreografica con particolare attenzione alle forme di confine fra danza e arti visive, danza e nuove tecnologie, danza e teatro, realizzando spettacoli, video, installazioni, performance e manifestazioni che hanno come oggetto il corpo, il movimento e la loro rappresentazione. ALDES è un progetto politico, un esperimento di gestione responsabile della cultura e dell’azione artistica e del rapporto con il territorio. A partire dal 2008 ALDES, nella provincia di Lucca, cura il progetto “SPAM! rete per le arti contemporanee” (www.spamweb.it) ospitando residenze, una programmazione multidisciplinare di spettacoli, workshop, attività didattiche, incontri. Attualmente gli autori in ALDES sono: il suo fondatore e direttore artistico Roberto Castello(Premio UBU speciale nel 1985 per 'Il Cortile' e nel 2003 UBU miglior spettacolo della stagione sez. teatro-danza con 'Il migliore dei mondi possibili'), Stefano Questorio danzatore storico dal 1998 e coreografo (Premio Otello Sarzi - Nuove realtà del teatro 2007 e Premio miglior interprete, rassegna Loro del Reno 2007), Caterina Basso (Premio Masdanza20, miglior solo) e Giselda Ranieri (Premio miglior regia all'Act Festival di Bilbao), ambedue in ALDES in vesti di danzatrici dal 2007 e 2010, Aline Nari, già interpreti in ALDES in anni passati, che insieme a Davide Frangioni da anni curano progetti in cui fondono ricerca artistica e desiderio di incontrare pubblici e contesti diversi. Dal 2016: la danzatrice/coreografa Francesca Zaccaria (le sue ultime coreografie sono state presentate in Francia e in Germania), già interprete per R. Castello e l'artista/performer Giacomo Verde, con il quale ALDES collabora dal '98 su vari progetti. Con l'anteprima nazionale del luglio 2017 a Kilowatt Festival di “Kotekino Riff”, Andrea Cosentino entra a far parte di ALDES. La collaborazione con Cosentino, che ha portato in questi ultimi anni alla realizzazione di alcuni importanti progetti, diventa così strutturale. Dal 2018: il danzatore e coreografo Marco Chenevier (Primo premio al Be festival 2015 e Primo premio al Sarajevo Winter festival 2013) fondatore del gruppo Tida e curatore del festival TDanse, e la danzatarice coreografa Elena Pisu, anche lei dell'ex gruppo Tida.

Dalila D'Amico

Dalila D'Amico

Flavia Dalila D'Amico ha ottenuto il titolo di Dottore di Ricerca in Musica e Spettacolo presso l’Università di Roma, La Sapienza con una tesi dal titolo: “Le aporie del corpo eccentrico: Per una riconfigurazione del soggetto in scena”. E' stata assegnista presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell'Università di Padova con una ricerca dal titolo: “Luce e Suono in scena tra patrimonio e innovazione” I suoi studi sono stati pubblicati in differenti riviste come «Arabeschi», «RFS. Rivista di studi di fotografia», «Danza e Ricerca, «Performance Matters», «Elephant & Castle», « Fata Morgana», «Quaderni di donne e ricerca», «Sciami». Dal 2010 fa parte del collettivo artistico Vjit insieme a Francesco Iezzi e Maria Costanza Barberio. Vjit è un progetto interdisciplinare con base a Roma, il cui ambito di sperimentazione ruota attorno all'interazione tra suono, immagine e azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.