Teatro - Video - Suono
Diretto da Valentina Valentini
ISSN 2532-3830

Author

Jean-Paul Fargier

Jean-Paul Fargier has 2 articles published.

L’odore del video

in articoli n°1 – 04/2017/Video

« …qualcosa come l’odore
elettronico del tempo… »

Cominciamo da questa citazione, messa qui in epigrafe. È presa da un romanzo di Aurélien Bellanger, Le Grand Paris (2017, Gallimard, p. 264).

L’eroe è un giovane urbanista che svolge presso il Principe (pseudonimo romanzesco di Sarkozy) il ruolo di consigliere all’urbanistica. Un giorno, nel bel mezzo delle sue peregrinazioni nelle banlieues  che dovrebbe trasformare nella Gande Parigi (una megalopoli in grado di competere con la Grande Londra o la Grande Berlino), si imbatte, deviando dal lato de la Défense, nella casa dei sui genitori ormai morti, casa che invano cercava di vendere. Ha la chiave, entra e, una volta arrivato nella sua stanza situata sotto il tetto, percepisce un odore.
Continua a leggere

Dio scrive dritto con delle linee curve

in articoli n°1 – 04/2017/Video
Joseph Beuys. Enterprise. 1972. Courtesy Pino Casagrande, Roma.

L’Arte video aspetta ancora il suo Claudel, colui che scriverà la sua opera maggiore su e per uno schermo catodico.
In compenso, non le manca affatto chi scrive dritto con delle linee curve. Eppure, per quanto ne sappiamo, costoro non si credono Dio (il Dio del proverbio portoghese che Claudel mette in epigrafe a La scarpina di raso). E nemmeno degli scrittori.
Scrivere su un’immagine, dentro un’immagine, contro un’immagine, al posto di un’immagine, tra due immagini, non è (non ancora?) posare la propria pietra, una pietra nuova, nella letteratura (poco importa quale sia la lunghezza e il brio delle frasi che componiamo). È più semplicemente, molto semplicemente, continuare a creare delle immagini attraverso dei mezzi diversi. Tutt’altri mezzi.
Integrandosi a delle immagini, le parole non diventano immagini (qualunque sia la maniera in cui vi si inscrivono): restano fondamentalmente delle non-immagini. Così deve essere, affinché possano interpretare il proprio ruolo. Il ruolo dell’Altro.
Continua a leggere

vai sopra